FANDOM


Aiutati i Drakkan a perdurare oltre la morte, i Novaphysi sono stati ricompensati per la loro fedeltà con un’eterna schiavitù al servizio dei loro padroni mummificati. La maggior parte di queste armature animate mantiene veglia infinita sui resti maledetti dei grandi dragoni, ma alcuni, nel tempo, spinti dalla disperazione, hanno deciso di abbandonare la loro postazione, lasciando il nucleo dell’Occhio del Drago di nascosto e spargendosi per la galassia, alla ricerca di un nuovo posto e nuove aspirazioni.

Caratteristiche

Fondazione e Dogmi

Per quanto Shuurtani sia riconosciuto dagli altri componenti il fondatore del Domo Nero, egli non è che un primo fra i pari: tutti i novaphysi che compongono questo ordine cavalleresco sono creature vecchie migliaia di anni, unite da profondi legami di rispetto e fiducia.

La Condotta del Penitente è un giuramento che hanno stilato insieme e secondo cui si promettono di agire con onore, frugalità e discrezione nei loro viaggi, non abusando dei loro poteri e non attirando l’attenzione dei Novadrakkan.

Il Domo Nero stesso non esiste se non come un’idea, poiché i singoli novaphysi si sono separati e diffusi nella galassia da decenni ormai, ognuno cercando la propria strada e vivendo avventure personali.

Così come i novaphysi al servizio dei Novadrakkan, i membri del Domo Nero sono silenziosi ed estremamente disciplinati, anime di pura volontà rinchiuse in corazze metalliche.

Data la loro mancanza di necessità di beni materiali, questi novaphysi a volte si fanno passare per umanoidi mercenari, mettendosi al servizio di governi locali per cause che ritengono giuste e rifiutando in seguito il compenso pattuito. Questi guerrieri solitari possono apparire in leggende locali come vendicatori o assassini a sanguinari, a seconda del narratore.