FANDOM


Una delle specie generate alla distruzione del grande Leethari, gli E'hhiròhh si sono sviluppati in maniera diametralmente opposta ai leeth, perdendo la propria malleabilità per meglio difendersi dalle condizioni estreme del freddo mondo su cui sono stati costretti ad adattarsi.

Biologia e Aspetto

Fisiologia Generale

Gli e'hhiròhh hanno perso le loro capacità di simbiosi e mimesi, acquisendo in compenso una terrificante resistenza fisica a sbalzi di pressione e temperature estremamente basse.

Ogni e'hhiròhh raggiunge i 3 metri di lunghezza, sviluppandosi con un corpo pisciforme compresso, dotato di tre paia di arti esoscheletrici usati per la manipolazione di oggetti e in grado di ritrarsi del tutto sotto il ventre della creatura. Quando è in movimento, specialmente se in un liquido denso, un e'hhiròhh tende a ritrarre sempre i propri arti, usando il proprio corpo per propellersi in avanti.

Per quanto la pelle traslucida dia l'impressione di fragilità, il corpo di un e'hhiròhh in stato di riposo può arrivare a pesare più di un centinaio di tonnellate. Nel mondo in cui questi synthogeni si sono evoluti, tale densità è indispensabile per muoversi all'interno degli oceani di metallo liquido che ne compongono la superficie. Ciononostante, con sufficiente sforzo, un e'hhiròhh può sfruttare alcuni organi situati nella sua spina dorsale stringata per mutare la propria densità e rendersi più leggero, fino anche al punto da poter fluttuare liberamente in un'atmosfera d'idrogeno. Questa operazione richiede tempo, concentrazione ed esercizio tuttavia, e provoca pericolosi scompensi negli organi interni del synthogeno, rendendola una pratica evitabile quando possibile.

La contrazione delle stringhe dorsali non solo è necessaria ad un e'hhiròhh per non morire schiacciato dal suo stesso peso quando in un ambiente alieno, ma anche per interagire propriamente con altre specie. Per un e'hhiròhh a riposo, l'universo reale appare tanto diafano e intangibile quanto per un umano lo è Somnia; solo sforzandosi e alleggerendosi può egli mettere a fuoco altre creature.

Quando a riposo, un e'hhiròhh riesce unicamente a percepire movimenti marcati e forme grigie. Privo di polmoni e orecchie, comunica con altri individui della propria specie sfregando due organi particolari posti ai lati della propria bocca che producono intense onde ultrasoniche. Il riverbero di queste onde viene percepito direttamente tramite pelle da altri e'hhiròhh, ma possono causare danni anche permanenti all'udito di un umanoide.

Tutti gli e'hhiròhh sono metallofagi, avendo costante necessità di nutrirsi di metalli pesanti, sia in forma liquida sia in forma solida. Possono consumare fino ad una tonnellata di metallo al giorno, che preferiscono acquisire tramite numerosi pasti sparsi ad intervalli regolari.

Gli e'hhiròhh sono incapaci di dormire, non sviluppano mai capacità parapsichiche e sono da molti considerati creature senz'anima, al pari dei leeth. Questa idea è ulteriormente corroborata dal loro lento metabolismo e dalla loro incapacità di percepire colori o suoni.

Riproduzione e Ciclo vitale

Gli e'hhiròhh sono creature asessuate. Ogni esemplare, raggiunto il termine del proprio ciclo vitale, verso il secondo secolo, rilascia una stringa di baccelli poco prima di morire. Gli e'hhiròhh generati dai baccelli si nutriranno del cadavere del genitore e ne utilizzeranno le componenti per accelerare la propria crescita, continuando a divorare qualunque oggetto a disposizione fino al raggiungimento del loro peso naturale, processo che solitamente impiega i dieci anni. Ciononostante, per quanto a quell'età il loro corpo sia del tutto sviluppato, affinché un e'hhiròhh acquisisca tutte le proprie capacità mentali è necessario passino ancora dai venti ai quarant'anni di vita.

Società

Psicologia e Cultura

Gli e'hhiròhh tendono a fondare gruppi nomadi dai trenta ai cinquanta individui, con rari casi di comunità di oltre cento componenti, non è raro tuttavia che si ritrovino membri della specie volontariamente solitari. Le ingenti quantità di cibo necessarie per sostenere colonie più grandi le portano spesso a frammentarsi o divorarsi dall'interno.

Gli e'hhiròhh hanno una reputazione di brutali razziatori dallo scarso intelletto. Questa nomea deriva in parte dal loro atteggiamento apatico nei confronti della maggior parte degli organici, di cui di fatto gli e'hhiròhh a stento percepiscono l'esistenza, in parte dal fatto che, quelle comunità che sono entrate in contatto con gli umanoidi hanno spesso sviluppato l'usanza di catturare e schiavizzare altre specie per adoperarle nella creazione di utensili che facilitino il movimento degli e'hhiròhh in ambienti ostili e nella creazione di complesse leghe metalliche da divorare.

Questo gusto per le complesse opere metallurgiche e minerarie ha reso gli e'hhiròhh particolarmente detestati dai rettiliani, indispettiti dalla perdita di qualunque prezioso monile cada tra le fauci dei synthogeni, e da golem ed androidi, che non di rado finiscono per esserne preda.

La limitazione dei loro sensi ha reso gli e'hhiròhh particolarmente attirati da forti esplosioni e, in generale, armi di distruzione di massa, la cui creazione e cura è estremamente lodata nelle loro società.

Religione

Per quanto gli e'hhiròhh manchino molto d'immaginazione, possono presentare di tanto in tanto deferenza nei confronti di entità potenti o percepite tali. Il mondo diafano degli organici sembra anche affascinare alcuni di loro, che possono finire per trovare un qualche aspetto mistico in alcune delle creature per loro ineffabili.

Nomi

Gli e'hhiròhh impongono un singolo nome ai propri figli, che può essere tenuto o scartato per un altro quando più comodo durante la loro crescita. Questi nomi suonano come stridii e scoppi rauchi dolorosi e incomprensibili per la maggior parte delle creature umanoidi che, qualora debbano identificare un e'hhiròhh, tendono semplicemente ad affibbiargli un altro nomignolo.