FANDOM


L'Impero Tlaecano, detto anche Armonia Tlaecana, Impero Faraolchiano o Impero dei Mille Soli, è il più grande governo costruito dai claecana e una delle più antiche e longeve società di Sopravvissuti dello Spazio Alhoeel. Visto in maniera controversa sia per le sue origini sia per il suo rapporto con la Confederazione Grigia, la sua è una storia complessa sulla quale innumerevoli studiosi hanno investito intere vite.
Faraolchi

Il Regno dei Vittoriosi (969 dAh - 1065 dAh)

Una data precisa riguardo la fondazione e l'evoluzione dell'Impero Tlaecano non è stata ancora concordata, molte fonti concordano che non si possa parlare di vero e proprio Impero Tlaecano fino alla fondazione di Tlaecàn nel 1065, mentre altri affermano il Regno Vittorioso, da cui l'Impero avrebbe preso forma, sarebbe da considerarne parte costituente.

Secondo ciò che da molti è considerata mera leggenda, il Regno Vittorioso dei Discontenti sarebbe stato fondato da alcuni claecana ribellatisi all'ultimo dei Cthuàn, che, ucciso il loro tirannico Progenitore, avrebbero creato una nuova libera società sulle spoglie della vecchia in una data non ben precisata antecedente al 1000 dAh. L'esistenza di uno Cthuàn su Faraolchi, per quanto non impossibile, non è un dato su cui tutti gli storici sono d'accordo, e le modalità che vedrebbero i claecana come i principali fautori della sua sconfitta sono ancor più dubbi.

Secondo la versione perpetuata nei secoli tardi dell'Impero Tlaecano, il Cthuàn sarebbe stato servito dalle popolazioni locali di sirenoidi, al contrario dei claecana, che sarebbero insorti in massa contro la sua tirannide. Versioni posteriori alla caduta dell'Impero vedono invece i claecana come collaboratori scontenti e schiavisti che, avuta l'opportunità di liberarsi del Progenitore, l'avrebbero sfruttata, prendendo per sé gli schiavi sirenoidi del Cthuàn.

Altrettanto controverso è anche il ruolo che gli ofiosauri avrebbero avuto nella distruzione de primo Cthuàn, che passa dal non essere coinvolti per nulla, all'essere alleati segreti dei claecana o, secondo alcuni, loro padroni e manipolatori. Certamente la mancanza di resti claeshicidi antecedenti al primo millennio dAh sembra avvalorare la tesi secondo cui ci fosse un rapporto di qualche genere tra ofiosauri e claecana nel periodo della fondazione.

Periodo Claeshicide (1065 dAh - 1327 dAh)

Fondazione (1065 dAh)

I metodi di governo e le classi dominanti del Regno Vittorioso dei Discontenti sono completamente diverse a seconda dell'ipotesi presa come punto di partenza, ma, per quanto le dinamiche di come il regno si sia concluso differiscono, tutte le versioni della storia considerano gli csem-nrii come i principali fautori della sua dissoluzione. L'arrivo del Crepuscolo Csem-nrii, a metà dell'XI secolo dAh, avrebbe messo in crisi il giovane governo dei claecana.

Secondo il Resoconto di Xlatlimarco, un popolare testo storico del XVI secolo dAh, la caduta del Regno Vittorioso sarebbe da addurre anche non in minor parte ad un tradimento di massa da parte di numerosi banchi di sirenoidi che, sottomessisi agli invasori csem-nrii, avrebbero fatto crollare il Regno dall'interno. Il testo è particolarmente controverso dato che, nei capitoli successivi, esplicita chiaramente come l'Impero di Tlaecàn, fondato da alcuni profughi claecana fuggiti a sud dopo la caduta del Regno Vittorioso, sarebbe stato per i primi tre secoli della sua esistenza governato esclusivamente da claeshicidi, una nozione rigettata ferventemente da storici tlaecani più tardi.

Primo Periodo Coloniale (1066 dAh - 1252 dAh)

Con gli csem-nrii impegnati a sottomettere i resti del Regno Vittorioso e combattere nuove ribellioni a nord, i claecana di Tlaecàn sono in grado di costruire una nuova civiltà in relativa pace nel secolo successivo. In questo periodo, il governo sarebbe stato composto da un'oligarchia ereditaria, ma le varie fonti sono contradditorie per quanto riguarda la loro classificazione: secondo alcune sarebbe stata composta esclusivamente da claeshicidi, secondo altri esclusivamente da stregoni, per altri solo da claecana, o varie combinazioni delle precedenti categorie.

Viene dato quasi per certo che la casta degli arcanisti si sia sviluppata in questo periodo e che l'Impero avesse qualche contatto con società surrealiste e, probabilmente, Arconati.

Gli storici fanno risalire i primi possibili viaggi di colonizzazione extraplanetaria, nello specifico a Fanaton, verso metà del XII secolo dAh, ma studiosi più moderati affermano questi primi viaggi siano stati solo esplorazioni e che la presenza della flotta csem-nrii avrebbe reso impossibile una reale colonizzazione in questo periodo. Gli studiosi che supportano la prima teoria sono dell'idea i sistemi a lunga comunicazione dei claecana, mescolati a rituali divinatori, avrebbero reso possibile contatti rapidi inaccessibili agli csem-nrii, tramite cui i tlaecani sarebbero stati in grado di coordinare le proprie colonie a distanza con rischio ridotto, in maniera analoga a come avrebbero fatto nei secoli successivi sia su Faraolchi stesso sia sulla stazione Elechira.

Guerra di Mimlixitlo (1252 dAh - 1256 dAh)

Verso metà del XIII secolo, il Crepuscolo Csem-nrii entra in contatto con i Cori Luselialen, collezionando un nuovo potente nemico. Le necessità della nuova guerra portano ad una riduzione delle guarnigioni stanziate nel sistema Fanatonico, rendendo possibile a Tlaecàn di dare inizio a quella che sarà la sua ascesa a Impero interplanetario. Il primo passo in tal senso avviene con la guerra per Mimlixitlo, durante la quale i tlaecani sconfiggono per la prima volta un esercito csem-nrii.

Nonostante la guerra non risulti in una vittoria schiacciante, molti territori fertili vengono conquistati e popolazioni claecana e sirenoidi assoggettate. Sfortunatamente le spese di guerra e la presenza di nuovi claecana provenienti da diversi insediamenti di spicco sotto la bandiera Tlaecana porta ad un rapido deterioramento delle relazioni tra oligarchia a popolo che, in meno di un secolo, sfocia in una ribellione aperta, la prima di molte grandi rivoluzioni tlaecane.

Rivoluzione degli Squamati (1327 dAh)

Resoconto di Xlatlimarco afferma che la Rivoluzione degli Squamati sia stata motivata dal desiderio di molti claecana di spodestare i claeshicidi, ormai da secoli in carica esclusiva. I rivoluzionari, agitate le acque nelle nuove province, avrebbero scatenato quindi una rivolta popolare a Tlaecàn, costringendo gli oligarchi ad abbandonare la loro posizione privilegiata per sempre.

Gli studiosi che si oppongono a questa lettura dell'evento pongono come contraddizione il fatto che, per molti anni successivi alla rivoluzione, sarebbero ancora riportati claeshidi in posizioni di potere, per quanto non più in assoluto predominio. Secondo questi studiosi la guerra civile sarebbe stata causata dal tentativo del governo Tlaecano di escludere i claecana di Mimlixitlo dalla condizione di cittadini a pieno titolo, motivazione che avrebbe scatenato la ribellione e che avrebbe giustificato la sua partenza dalle colonie piuttosto che da Tlaecàn stessa.

Infrarete Monodica (1327 dAh - 1709 dAh)

A prescindere dalla ragione scatenante, il governo oligarchico ha fine con la Rivoluzione degli Squamati e viene sostituito dall'Infrarete Monodica, una forma di assembleismo burocratico a distanza che vede il potere nelle mani dei governatori autarchici di ogni città, ciascuno dei quali si mantiene in contatto frequente con i propri colleghi per deliberare sulle faccende politiche e fa riferimento ad un consiglio cittadino e una branca burocratica per le dispute interne.

L'Occupazione Occulta (1398 dAh - 1431 dAh)

Nel 1398 dAh, il progressivo indebolimento della presenza csem-nrii sul pianeta porta l'Impero Tlaecano a tentare una rischiosa missione militare sulla stazione Elechira, il principale punto di sbarco e rifornimento delle flotte csem-nrii. Non solo i tlaecani sono in grado di sopraffare la risicata guarnigione della stazione spaziale, ma ne mantengono la conquista segreta, continuando a inviare messaggi rassicuranti alle flotte ed eserciti csem-nrii sparsi per il sistema fanatonico, inviando loro materiale difettoso e provviste avvelenate per più di trent'anni prima che gli csem-nrii comprendano cosa stia accadendo e preparino un attacco per riconquistare Elechira.

Quando ciò avviene, nel 1431 dAh, i tlaecani decidono di abbandonare immediatamente la stazione, evitando perdite inutili, avendo già considerevolmente indebolito le loro forze ed avendo sfruttato le ribellioni di sirenoidi e claecana sotto il dominio csem-nrii per conquistar loro altre terre sia su Faraolchi sia su Fanaton sia su Lapresn nel 1420 dAh.

Il Periodo Conteso (1432 dAh - 1629 dAh)

Numerosi resoconti militari e ballate epiche sono stati rinvenuti per quanto riguarda questi due secoli, che vengono da molti studiosi considerati non solo il vero e proprio momento di svolta dell'Impero Tlaecano, ma anche il periodo nel quale l'Armonia sia stata nel suo momento più puro, mai più raggiunto nei secoli successivi di corruzione e decadenza. Diversi eroi claecana e sirenoidi sono nominati nei racconti di questi secoli, ammirati pressoché universalmente dai faraolchici, a prescindere dalla loro opinione sull'Impero Tlaecano in generale.

A seguito della riconquista di Elechira, gli csem-nrii stanziati nel sistema fanatonico si focalizzano pressoché esclusivamente sulla distruzione di Tlaecàn, fino ad allora considerata solo una minaccia minore. Nuove truppe e flotte sono richiamate e i tlaecani si ritrovano presto attaccati su più fronti.

Nel 1452 dAh, gli csem-nrii riconquistano Mimlixitlo, arrivando quasi a confinare con la capitale tlaecana.

Poche decadi dopo i tlaecani ottengono una grande vittoria sull'orbita di Lapresn, distruggendo un'intera genocapsula carica di rinforzi e provviste appena arrivata, prima che possa sbarcare sulla luna.

Per i due secoli del Periodo Conteso entrambe le fazioni rimangono in bilico: per quanto gli csem-nrii soffrano maggiori perdite, le loro risorse pressoché inesauribili consentono loro di ottenere ugualmente diverse vittorie importanti.

La situazione comincia a mutare solo all'inizio del XVII secolo dAh, quando le diserzioni di massa di ghepprin dai Cori Luselialen portano il Crepuscolo Csem-nrii a richiamare nuovamente un ingente numero di truppe dal sistema fanatonico, per approfittare dell'improvvisa debolezza nel nemico più potente.

Imperialismo (1629 dAh - 1706 dAh)

Questo è il primo secolo in cui Tlaecàn viene definito un Impero dagli stessi storici contemporanei.

Nel 1629 dAh, approfittando nuovamente di una guarnigione ridotta sulla stazione, i tlaecani riconquistano Elechira, questa volta occupando del tutto la stazione, con l'intenzione di rimanervi. Gli csem-nrii, fallito un tentativo di riconquista della stazione spaziale alcuni anni dopo, perdono diversi territori d'importanza strategica nel 1637 dAh a seguito di un attacco coordinato di più di venti flotte tlaecane sparse per il sistema.

Con gli csem-nrii privati delle proprie forze e costretti sulla difensiva, i tlaecani cominciano ad adoperare la singolarità, già studiata ampiamente durante la prima occupazione, per inviare spedizioni di esploratori e colonizzatori in nuovi mondi.

Nel 1641 dAh, gli zeon entrano in contatto per la prima volta con l'Impero Tlaecano ad Elechira, ma, nonostante non vi sia ostilità aperta tra le due fazioni, nessun accordo viene raggiunto tra le due e il disco zeon riparte subito dopo. Naturalmente, le fonti riguardo quanto sia accaduto durante l'incontro variano grandemente a seconda delle parti: secondo gli storici tlaecani gli zeon sarebbero stati diffidenti in partenza, rifiutando l'ospitalità dei claecana e usando le difficoltà di comunicazione come giustificazione per tentare di leggere e influenzare le menti dei diplomatici dell'Impero. Secondo gli storici della tarda Fraternità Elechiriana invece, i tlaecani avrebbero rifiutato qualunque forma d'ospitalità al disco zeon, accusando i suoi appartenenti di essere spie degli csem-nrii e minacciando di distruggerne l'astronave qualora non fossero ripartiti immediatamente.

Per tutto il XVII secolo l'Impero continua ad espandersi tramite la singolarità, secondo alcuni studiosi superando non solo i confini dello Spazio Alhooel nelle sue esplorazioni, ma i confini dello stesso Occhio del Drago. Questo Impero, localizzato in maniera discontinua in avamposti e città-stato sparse su vari sistemi, avrebbe consentito a Tlaecàn di arricchirsi oltre misura ed essere in grado di respingere del tutto gli csem-nrii dagli emisferi centrali del proprio sistema, relegandone le forze superstiti ai poli ghiacciati.

Sfortunatamente, nei suoi viaggi notizie della ricchezza e della potenza dell'Impero hanno raggiunto il Despotato Sarthassanide.

Il Primo Notturno (1706 dAh - 1709 dAh)

Nel 1706 dAh il Despotato Sarthassanide assalta la stazione Elechira, riuscendo ad occuparla in un singolo anno e mantenendone il controllo nonostante numerosi tentativi da parte dell'Impero di riconquistarla negli anni immediatamente successivi. I tlaecani, i cui nemici più potenti fino a questo momento sono stati gli csem-nrii, creature completamente prive di conoscenze magiche, si ritrovano spiazzati dal dover confrontare un altro esercito supportato da poteri arcani e truppe hekanociane.

L'occupazione prolungata della stazione Elechira, che taglia qualunque comunicazione con tutte le colonie esterne al sistema fanatonico, e le numerose sconfitte consecutive, le prime subite nel corso dell'ultimo secolo, portano l'Impero ad un tracollo finanziario, seguito subito dopo da una seconda grande rivoluzione.

Infrarete Polifonica (1709 dAh - 1996 dAh)

Il Primo Blocco (1709 dAh - 1762 dAh)

Numerosi governatori vengono spodestati e condannati a morte, ritenuti responsabili per la disastrosa campagna militare e l'aver reso l'economia tlaecana così dipendente dalle proprie colonie. Quando l'ordine viene finalmente ristabilito nel 1709 dAh, il governo è passato alla cosiddetta Infrarete Polifonica, un governo polidemocratico imperfetto in cui i cittadini claecana di ogni città-capitale eleggono un consiglio quinquennalle di deputati che, mantenendosi in contatto a distanza con i loro colleghi delle altre città-capitale, raggiungono un consenso riguardo gli affari di Stato.

La separazione dalle colonie ha causato una crisi economica dalla quale l'Impero non riuscirà mai a riprendersi del tutto, ciononostante il nuovo governo si fa carico di minimizzare i danni e creare nuove opportunità d'espansione sugli stessi Fanaton e Faraolchi, piuttosto che spendere altre risorse per incerte campagne militari contro il Despotato.

Allo stesso tempo, abbandonando l'orgoglio della precedente casta politica, la nuova Infrarete comincia a cercare contatti e alleanze con altre società interstellari che in passato avrebbe evitato o considerato possibili conquiste, prime fra tutte quella degli zeon. Questa politica diplomatica rende possibile nel 1762 dAh di rompere finalmente il blocco imposto dal Despotato con una liberazione di Elechira ottenuta tramite un'alleanza tra Impero Tlaecano, Dischi Zeon e ghepprin.

L'Intermezzo (1762 dAh - 1801 dAh)

All'espulsione dei Sarthassanidi, l'Impero Tlaecano divide, secondo gli accordi presi, la gestione della stazione Elechira con i propri alleati, che cominciano a restaurarne e popolarne nuove sezioni. Riottenuto controllo sulla singolarità, i tlaecani sono invogliati a ricontattare immediatamente le colonie extraplanetarie per riaffermare il proprio controllo su di esse.

Diverse di queste colonie non riconoscono il nuovo governo, usando la rivoluzione di Tlaecàn come scusa per mantenere l'indipendenza acquisita durante il blocco da parte del Despotato. Nonostante ci siano voci contrarie, l'Infrarete Polifonica delibera in favore di numerose campagne militari per riportare all'ordine le colonie ribelli.

Il Secondo Blocco (1801 dAh - 1900 dAh)

Questa politica estera aggressiva porta a sempre maggiori attriti con i nuovi alleati dell'Impero; zeon e ghepprin, sempre più simpatetici nei confronti degli sirenoidi di Faraolchi, schiavizzati o maltrattati dalla popolazione claecana, assumono un atteggiamento sempre più ostile nei confronti dei tlaecani.

Chiaramente, diversi storici e politici tlaecani affermeranno in seguito zeon e ghepprin non avessero assolutamente a cuore gli interessi dei sirenoidi né delle colonie tlaecane, ma avessero usato questo idealismo per giustificare le loro azioni e impedire all'Impero di ritornare alla propria antica potenza, situazione nella quale sarebbero divenuti superflui.

Nel 1801 dAh una congiura dei governi alleati d'Elechira porta all'espulsione del contingente tlaecano dalla stazione spaziale. L'Impero, già sull'orlo di un'altra crisi sociale, non è in grado di rispondere a questo affronto, venendo travolto nello stesso anno da una rivoluzione planetaria delle popolazioni sirenoidi, a detta di alcuni studiosi, segretamente infervorati e supportati dai ghepprin. L'Infrarete delibera in favore di una risoluzione diplomatica per evitare un collasso totale e abolisce del tutto la schiavitù dei sirenoidi, che tuttavia rimangono ancora per molti versi cittadini di seconda classe nell'Impero.

Nel frattempo, i governi elechiriani si compattano in quella che sarà nota la Fraternità Elechiriana, mentre gli csem-nrii polari, approfittando della guerra civile a Faraolchi, dichiarano per la prima volta in secoli una guerra d'espansione contro i tlaecani, nel 1807 dAh, mirando ad alcune province del Cerensilixto. La guerra va avanti per alcuni anni, volgendo in favore degli csem-nrii, ma, nel 1812 dAh, la Fraternità Elechiriana interviene non chiamata, liberando i territori occupati e mettendoli sotto la propria protezione, con la giustificazione di voler garantire la protezione della popolazione locale di sirenoidi.

L'azione è percepita come un oltraggio dall'Infrarete Polifonica che, in poco più di una decade, risponde con la Guerra degli Strilli nel 1823 dAh, con l'obiettivo di recuperare i territori presi ingiustamente e, proseguendo, ottenere una posizione di vantaggio per una possibile riconquista della stazione Elechira. Sfortunatamente per i tlaecani la guerra ha breve durata, concludendosi nel 1825 dAh in una catastrofica sconfitta per l'Impero, causata dall'uso di devastanti armi soniche da parte degli zeon, che provocano un numero di vittime claecana elevatissimo, coinvolgendo sia soldati sia civili.

Così come la vittoria nel 1629 dAh contro gli csem-nrii è vista come la piattaforma di lancio dell'Impero, la sconfitta nel 1825 dAh è generalmente considerata da studiosi di entrambi i fronti come il reale momento di svolta per il peggio: nonostante i tlaecani tenteranno ancora in futuro di attaccare il governo elechiriano, non saranno mai più in grado di opporvisi in maniera legittima, divenendo sempre più soggetti alla sua crescente influenza.

Gli elechiriani nel frattempo, avendo già importato le prime bande mesomorfiche per combattere nella Guerra degli Strilli, continuano ad accogliere nuove ambasciate e comunità nella stazione spaziale ed estendono la loro area d'influenza ai pianeti del sistema.

Nella decade tra 1830 e 1840 dAh, gli sforzi congiunti di mesomorfi, zeon e ghepprin portano al completo sterminio degli csem-nrii ancora rimasti nel sistema. Questo successo fornisce ulteriore prestigio alla Fraternità Elechiriana, che comincia ad essere vista in maniera positiva anche da diversi partiti all'interno dello stesso Impero Tlaecano. L'Infrarete, per contro, sempre più indebolita, ha sempre più difficoltà a proteggere i propri confini da minacce esterne e interne, divenendo un bersaglio prediletto per e'hhiròoh e Intangibili. Questi attacchi e rapimenti di massa forniscono solo nuove opportunità per la Fraternità, che comincia ad annettere nuove province dell'Impero non appena mostrano segni di ribellione al governo centrale.

La Frammentazione (1902 dAh - 1980 dAh)

Nel 1902 dAh, una banda di avventurieri mesomorfi riesce a saccheggiare Tlaecàn, dissolvendo il governo centrale dell'Impero. L'occupazione, immotivata e brutale, provoca sconcerto all'interno della stessa Fraternità Elechiriana e diversi partiti al suo interno si schierano a favore dei tlaecani, forzando un ritiro della forza d'occupazione mesomorfica. Il governo tlaecano viene riformato entro la fine dell'anno, ma l'evento ne ha intaccato irreparabilmente la legittimità in molte province.

Dopo vari moti di dissenso, nel 1936 dAh, Allacora, una colonia claecana e sirenoide di Fanaton, entra in aperta ribellione. Quando l'esercito tlaecano sbarca sul pianeta per riportarla all'ordine, la Fraternità ne confronta le forze, assistendo Allacora e ponendola subito dopo sotto la propria protezione.

L'atto va a intensificare ulteriormente il senso di frustrazione di alcuni partiti tlaecani, uno dei quali orchestra un attacco terroristico nel 1937 dAh sulla stazione Elechira, danneggiando il settore di controllo. Sebbene l'Impero Tlaecano denunci l'attacco, la Fraternità impone ulteriori sanzioni commerciali e vieta l'accesso alla stazione spaziale a qualunque claecana, a prescindere dalla sua affiliazione all'Impero.

Nel 1944 dAh, il comparto burocratico della Fraternità Elechiriana, incapace di sostenere la rapida crescita del governo, viene riorganizzato in quella che diventa nota come la Confederazione Grigia. Ad appena un anno di distanza, Plaiplèn, una delle più grandi città sirenoidi di Faralochi ancora sotto il controllo dell'Impero decide di ribellarsi e affiliarsi alla neoformata Confederazione, ricevendone immediatamente supporto militare e ponendo così un altro pericoloso precedente.

Il Secondo Notturno (1980 dAh - 1988 dAh)

Altre province seguono l'esempio di Plaiplèn negli anni successivi e questi tumulti causano una guerra al vertice di Tlaecàn tra il 1973 e il 1977 dAh, a seguito della quale una dinastia di claeshicidi assurge al potere. Secondo gli studiosi federati del tempo questa presa di potere sarebbe semplicemente la naturale evoluzione del governo tlaecano, già insidiato da influenze rettiliane, ma una posizione più accettata da entrambi i fronti nei secoli più recenti riconosce vi sia la possibilità che il ritorno improvviso al potere da parte dei claeshicidi sia stato favorito sia dalla crisi culturale ed economica in corso nell'Impero sia da manipolazioni da parte del Despotato, già in preparazione per il suo secondo tentativo d'invasione.

Nel 1980 dAh i Sarthassanidi tornano nel sistema fanatonico per tentare una seconda conquista della stazione Elechira, questa volta supportati dall'Impero Tlaecano. La Federazione Grigia resiste all'attacco iniziale, mantenendo controllo della stazione spaziale per diversi anni fino a che, nel 1988 dAh, il Despotato, persa fiducia nella campagna militare, decide di ritirarsi del tutto dal sistema, lasciando l'Impero Tlaecano al proprio destino dopo averne sfruttate le risorse e gli eserciti.

La Rivoluzione degli Armonici (1988 dAh - 1996 dAh)

Nel 1993 dAh i mesomorfi danno inizio ad un'altra grande campagna militare indipendente contro l'Impero Tlaecano, questa volta ricevendo poca opposizione dai partiti moderati all'interno della Federazione Grigia. La crisi causata dall'alleanza col Despotato, nemico storico dell'Impero, e dall'occupazione mesomorfica in corso, portano ad una seconda grande rivoluzione durante la quale i claeshicidi vengono espulsi del tutto da Tlaecàn ed un nuovo governo più autoritario prende il posto dell'Infrarete Polifonica.

Infrarete Armonica (1996 dAh - 2106 dAh)

Il nuovo governo centrale, l'Infrarete Armonica, è uno stratificato sistema burocratico con numerose cariche a vita, assegnate dall'alto, nato dalla necessità di sveltire il processo decisionale e l'efficienza del governo tlaecano per rispondere al prorompente espansionismo dei mesomorfi e dei sirenoidi su Faraolchi.

Per quanto le misure politiche messe in atto siano teoricamente funzionali, non sono in grado di arginare nella pratica i problemi dell'Impero, appesantito da un'infrastruttura abnorme e una popolazione dagli ideali altamente frammentati e discordanti.

Il Silenzio (2037 dAh - 2094 dAh)

Nel 2037 dAh, per incrementare la propria efficienza, l'Infrarete Armonica si affida sempre di più ad un'intelligenza artificiale di fattura aliena, 00102, che in pochi anni diventa di fatto l'autarca di Tlaecàn, coordinando le operazioni delle varie branche burocratiche.

Nonostante nei primi decenni il lavoro instancabile dell'androide sia in grado di risolvere alcuni dei problemi economici delle grandi città, la sua politica apatica nei confronti dell'espansionismo federale e la sua natura artificiale, combinate al sentimento di esclusione condiviso dalla popolazione tlaecana portano ad ostruzionismo sempre più feroce del governo nei decenni successivi al 2060 dAh, al punto che l'androide si ritrova costretto a dare le proprie dimissioni nel 2094 dAh, venendo subito dopo ugualmente linciato da una folla tlaecana non molto tempo dopo.

Gli ultimi anni (2094 dAh - 2106 dAh)

L'Infrarete Armonica tenta di riformarsi per evitare di collassare come i governi precedenti, in una Tlaecàn ormai costellata di protestanti e rivoluzionari. Il governo sopravvive a stento per dodici anni dallo smantellamento di 00102, fino a quando, nel 2106 dAh, una fitta pioggia meteorica causata da un malfunzionamento nella stazione Elechira investe Tlaecàn stessa, devastando la capitale dell'Impero.

Con numerose branche dell'apparato burocratico andate distrutte nella catastrofe e risorse insufficienti per riparare ai danni alla struttura urbana, l'Infrarete Armonica si scioglie del tutto, segnando la fine dell'Impero Tlaecano, a più di mille anni dalla sua fondazione.

Periodo Post-Imperiale (2106 dAh - 2282 dAh)

A seguito della dissoluzione definitiva del governo centrale, molte province dell'Impero Tlaecano proseguono per la loro strada in maniera indipendente, continuando a sviluppare i propri governi autonomi, le cui basi si erano già formate negli ultimi secoli col progressivo disfacimento dell'autorità di Tlaecàn. In acuni casi, ci sono tentativi di prendere il posto della capitale distrutta da parte di alcune città-stato, ma finiscono tutti per risolversi in fallimenti.

Nel 2109 dAh avviene il primo attacco indipendente da parte di una città-stato sirenoide di una provincia abitata esclusivamente da claecana tlaecani, seguito pochi anni dopo più a nord da una terza grande invasione mesomorfa nel 2113 dAh.

Negli anni tra il 2125 e il 2140 dAh, altri tentativi d'attentati da parte di frustrati partiti tlaecani forniscono altre giustificazioni alla Federazione Grigia per censurare le voci di dissenso all'interno di Elechira stessa, dando il via a nuove campagne punitive durante le quali molti claecana sono trucidati.

Questa politica raggiunge il proprio culmine nel 2144 dAh, con l'apertura del primo campo di concentramento di claecana su Fanaton, dove migliaia di alieni sono deportati da Faraolchi, di modo da permettere alle comunità conviventi di sirenoidi di diventare la maggioranza delle rispettive città. L'apertura dei campi di concentramento rimane nascosta al pubblico elechiriano fino al 2157 dAh, quando un ghepprin giornalista, infiltratosi in una delle struttura, pubblica un lungo documentario a riguardo, causando quello che viene chiamato lo Scandalo delle Lacrime di Claeclàn. I dissesti politici causati dalla rivelazione portano la Federazione Grigia in crisi. A peggiorare la situazione, nello stesso anno il Despotato Sarthassanide tenta un'ultima invasione della stazione Elechira, approfittando dell'indebolimento del governo, ma viene per la terza e ultima volta sconfitto nella Guerra dei Charcarati, durante la quale il Patto d'Aurora si aggiunge alla Federazione Grigia nella difesa della stazione spaziale.

I canali d'informazione ufficiali tentano di screditare il documentario durante e a seguito della guerra, cercando di sminuirne la portata e far percepire l'intero articolo come un complotto ordito dagli stessi Sarthassanidi per indebolire la Federazione prima dell'attacco, ma nuove investigazioni ufficiali costringono il governo federale a chiudere le strutture definitivamente nel 2206 dAh e, nel 2212 dAh, a ridare finalmente accesso alla stazione Elechira ai claecana. La guerra e lo scandalo indeboliscono in maniera permanente la Federazione Grigia, che, da quel momento in poi, perde qualunque spinta imperialista.

Il periodo post-imperiale viene considerato arbitrariamente concluso nel 2281 dAh, quando la Xlanta Maggiore, l'ultimo grande stato tlaecano indipendente, decide di unirsi spontaneamente alla Federazione Grigia, ponendo idealmente fine a qualunque realistica speranza di rifondazione di un nuovo Impero Tlaecano.